Lo sanno bene le mamme che organizzare i vestiti di neonati e bambini è decisamente una sfida contro il tempo. Ben presto infatti ci si accorge di quanto crescano in fretta, nel primo anno di vita anche 1 o 2 cm al mese. In un attimo ci ritroviamo il cassetto stracolmo di vestiti che, pur avendoli messi pochissime volte, non entrano più né indosso ai nostri cuccioli e nemmeno nell’armadio! E così ci sembra di aver sprecato inutilmente il nostro denaro.

Ecco quindi qualche idea per risparmiare sull’acquisto di vestiti per bambini:

Cassettiera con un pupazzo che esce a metà da cassetto perché non ci sta.

1) Mercatino dell’usato

Un tempo comprare vestiti al mercatino dell’usato era una pratica poco comune anche per la convinzione che la qualità fosse scarsa. Oggigiorno invece le cose sono molto cambiate e andare al mercatino è sicuramente una pratica divertente e soprattutto eco-friendly. Vi basterà fare un giro in un mercatino dedicato all’abbigliamento per bambini o in un negozio di usato per notare che i capi sono accuratamente selezionati e addirittura potrete trovare merce arrivata da liquidazioni ancora nuova e inscatolata, ma a prezzi stracciati.
Ecco alcuni negozi dell’usato per bambini: Baby Bazar, Biribaula, Secondamanina.

Negozio di vestiti usati per bambini.

2) Organizza uno swap party

Letteralmente swap significa baratto e lo swap party è una vera e propria “festa dello scambio”, durante la quale ci si può scambiare di tutto: abbigliamento, accessori, libri e giocattoli. Si tratta di una pratica molto in voga negli USA e in Inghilterra e che si sta rapidamente diffondendo in tutta Europa. Partecipare o organizzare uno swap party è anche un buon modo per socializzare e scambiarsi esperienze utili per la scelta dei vostri futuri acquisti.

Scatolone con libri per bambini usati.

3) Compra online

Certamente vale la pena di trovare un po’ di tempo da dedicare alle ricerche online dei prodotti delle marche che preferite. Spesso infatti i siti propongono sconti anche elevati su articoli di brand famosi di abbigliamento, scarpe e accessori, oltre a offrire ampia scelta di taglie e numeri.

Donna che fa ricerche online con vicino una carta di credito.

4) L’abbigliamento che si adatta al corpo

Sapevi che in commercio esistono linee di abbigliamento che sono in grado di adattarsi alla rapida crescita dei bambini? Ebbene sì!
Ci ha pensato il designer Ryan Mario Yasin, in collaborazione con il Royal College of Art, che, sfruttando la sua formazione come ingegnere aeronautico, ha creato una linea di abbigliamento per bambini a pieghe permanenti che si adattano al corpo che cambia, in modo che gli stessi vestiti possano estendersi dai 6 mesi ai 3 anni.
Se questo tipo di abbigliamento è fin troppo originale per i vostri gusti potete optare semplicemente per quelle linee intimo bambino unisex 6-36 mesi in taglia unica che vi permetteranno ugualmente di risparmiare soldi e spazio! Si tratta di filati innovativi ed elasticizzati in grado di garantire comodità e libertà di movimento, come quelli proposti da RelaxMaternity Baby o da J Bimbi.
Per le mamme che scelgono la linea più ecologica interessante sarà sapere che esistono body in cotone BIO, o in lana e seta per le stagioni più fredde, dotati di bottoncini regolabili al cavallo che ne consentono un uso prolungato nel tempo, come quelli di ioBio. In questo caso dovrete spendere un pochino di più all’inizio, ma poi non ci penserete più per molto tempo e la qualità è garantita!

Pancia di una donna incinta che tiene in mano una tutina per neonato.

5) Outlet e spacci

Spacci e outlet rappresentano, in tempo di crisi, un’opportunità preziosa per spendere di meno. Puoi cercare quelli presenti nella tua zona per trovare abbigliamento, pannolini e altri oggetti utili a prezzo scontato.

Salvadanaio a forma di maialino con una mano che inserisce una moneta.

6) Compra durante i saldi

I saldi di fine stagione permettono di fare ottimi affari anche se bisogna essere abili nel prevedere le necessità dei nostri piccoli nelle stagioni successive. Si tratta di un investimento per il futuro e, per questo, vi consigliamo di privilegiare articoli quali biancheria intima, tute da ginnastica, magliette e pantaloni che non passano di moda. Fate attenzione ai capi con le stampe di cartoni animati o immagini che i bambini potrebbero definire “da piccoli” l’anno successivo. Vi sconsigliamo anche l’acquisto delle scarpe con scadenza a lungo termine perché è molto difficile fare ipotesi reali sulla crescita dei piedini e rischiate di lasciarle nel cassetto.

Manichini di bambini in una vetrina di una grande città.